BLOG DI APPROFONDIMENTO

divisore
tohatsu-mfs-115-run

Tohatsu MFS 115: MOLTA PIU’ SPINTA

Tohatsu è riuscita a generare considerevolmente più coppia nel piede riespetto alla sua categoria

Nel mercato dei fuoribordo, è difficile far risaltare il proprio prodotto rispetto alla concorrenza. Ovviamente, nei grandi test di benchmark BOOTE, abbiamo ancora modi che evidenziano punti di forza e di debolezza in termini di consumo di carburante, rumore e accelerazione.
Ma i fuoribordo con la stessa potenza sono molto simili, ovviamente.
Nessuno è notevolmente più forte degli altri e nessuno è particolarmente più debole.
Cosa cambia allora nel nuovo Tohatsu MFS 115 ?

Tohatsu MFS 115

l produttore giapponese Tohatsu si era posto il grande obiettivo di distinguersi dal mercato durante lo sviluppo della nuova gamma di motori tra 75 e 115 CV. Ma come? I nuovi motori dovevano essere ancora più economici o più silenziosi di quelli della concorrenza? Economico e silenzioso, ovviamente. Soprattutto, i nuovi motori dovrebbero avere la coppia più alta della loro categoria per raggiungere la loro velocità finale (o massima) più velocemente rispetto ai competitor. In definitiva, dovevano essere i motori con la migliore accelerazione.

L’enorme accelerazione è più forte di qualsiasi cosa precedentemente nota nei motori a quattro tempi della stessa dimensione

Ma allo stesso tempo, gli sviluppatori volevano annullare il vecchio principio secondo cui “nothing can replace displacement but dis-placement”, perché l’equipaggiamento del motore con più cilindrata significherebbe renderlo notevolmente più pesante, e il peso è sempre un inconveniente. Così si sono chiesti come poter aumentare la potenza del motore senza aumentare la cilindrata, e hanno trovato un altro modo: “Perché non progettare un collettore di carico che non è mai stato utilizzato su un motore fuoribordo?”. Il compito di un collettore di scarico è quello di rimuovere i gas di scarico nel modo più efficace possibile. Se un collettore è ben progettato, può essere utilizzato per aumentare in modo significativo la potenza, specialmente nella gamma di giri inferiore.

tohatsu mfs collettore

Il risultato di questo lungo processo di sviluppo è quello che Tohatsu chiama “4-2-1 Performance Tuned Exhaust”, un sistema di scarico ottimizzato geometricamente. Invece di combinare tutti e quattro i collettori di scarico in uno scarico come di solito nel caso del 4-1, le vie di scarico dei cilindri 1 (superiore) e 4 (inferiore) e quelle dei cilindri 2 e 3 vengono prima combinate in due tubi di scarico. Solo allora questi due tubi di scarico si fonderanno in un tubo comune.

Un concetto che è noto da molto tempo nella scena del tuning per le auto più vecchie, ma in questa forma è molto insolito per i fuoribordo.
Tuttavia, Tohatsu ha ulteriormente sviluppato e ottimizzato il concetto.
Unendo l’utilizzo del metodo 4-2-1 con tubi di scarico di lunghezza perfettamente uguale, si crea un’aspirazione che rafforza il flusso di scarico in uscita dal motore. In parole povere, i pistoni non devono lottare per spingere prima i gas di scarico attraverso le valvole; un vuoto li aiuta in questo. In pratica, questa modifica semplice ma intelligente crea prestazioni di accelerazione impressionanti e il motore raggiunge effettivamente la sua velocità finale più rapidamente.

Le performance

tohatsu mfs 115 run

Abbiamo testato il nuovo modello da 115 CV e siamo rimasti entusiasti del controllo della potenza, soprattutto nella gamma di velocità tra 3500 e 4500 giri / min. Lì, la coppia elevata è chiaramente evidente. L’accelerazione sembra diversa da qualsiasi altro motore conosciuto della stessa dimensione: la barca solleva per un attimo il muso, poi si ripiega subito e letteralmente fugge. La barca di prova, un RIB Valiant V-570, raggiunge i 50 km / h dopo 6,7 secondi e continua ad accelerare fino alla velocità massima di 72 km / h. Tohatsu è infatti riuscito a soddisfare tutte le specifiche autoimposte: in termini sia di cilindrata che di peso, offredo il miglior rapporto coppia / peso. Grazie alla sua piccola cilindrata, il motore è anche estremamente economico. Nella gamma di velocità tra 3000 e 3500 giri /min, consuma solo 0,32 e 0,35 litri di benzina per chilometro, il che gli conferisce un’autonomia teoricamente di 304 chilometri (riempimento del serbatoio: 100 litri) a una buona velocità di planata.
A tutto gas, il motore ha bisogno di quasi il doppio della quantità di carburante (0,62 litri / chilometro), che è anche completamente accettabile in confronto. Tohatsu ha anche aggiornato l’elettronica del motore: il nuovo display LCD da 4,3 pollici è collegato all motore e comunica tutti i dati del motore, i codici di errore e gli allarmi in un design molto chiaro e moderno.

Articolo tradotto dalla prestigiosa rivista nautica tedesca BOOTE

Scopri il le caratteristiche tecniche del Tohatsu MFS 115

Scopri tutta la gamma dei motori Tohatsu MFS

dotazioni-sicurezza

Dotazioni di sicurezza per la navigazione in mare

Ci si prepara ad una nuova stagiona del diporto. Importantissima come sempre è la sicurezza. Di seguito è illustrata la tabella con le dotazioni minime da tenere a bordo delle imbarcazioni e natanti da diporto in relazione alla distanza dalla costa o dalla riva, così da poter essere sempre a norma e nella massima sicurezza durante la navigazione.

Continua la lettura

come eliminare la ruggine dall'acciaio

Come eliminare la ruggine dall’acciaio in barca?

Forse è capitato anche a voi di trovare ruggine su parti di acciaio della barca e chiedersi: “Come eliminare la ruggine dall’acciaio in barca?”. La presenza della ruggine sull’acciaio può dipendere da diversi fattori: acciaio non di qualità, elementi ferrosi sopra o vicino l’acciaio, una patina di sporco che con il tempo accumula materiali che si ossidano.

In questo breve articolo vogliamo mostrarvi come è possibile ripristinare l’acciaio e farlo tornare al suo splendore originale (o quasi) con pochi semplici passaggi.

Continua la lettura

telefono-satellitare-in-orbita

Perchè avere a bordo un telefono satellitare?

In barca un telefono satellitare è più utile di uno smartphone e del VHF

In mare si capisce la grande utilità di un terminale satellitare portatile nel momento in cui si dovesse incorrere in guai seri. Un Vhf fisso, infatti, dipende dalle batterie della barca e quando queste vengono a mancare (in caso di affondamento o corto circuito elettrico) si resta muti, senza la possibilità di comunicare con il mondo esterno. La presenza di un Vhf palmare può essere un valido supporto morale, ma dal punto di vista pratico serve a poco visto che la sua portata è molto limitata e difficilmente supera le poche miglia.

Continua la lettura

liqui-moly-Marine-_Motore-1140x550

Come scegliere l’olio per il mio motore?

Olio ad uso marino o automotive?

Molti si chiedono quale sia la differenza tra gli oli per i motori marini rispetto agli oli utilizzati nel mondo delle auto e dei truck, e se questi siano compatibili o meno con il motore della nostra barca.
Cominciamo col dire subito che utilizzare un olio per auto nel nostro motore marino non porta alla rottura dello stesso, ma questo non lo rende adeguato ai motori marini.

Continua la lettura